troppo-non-_-mai-abbastanzaUlli Lust
Troppo non è mai abbastanza

Coconino Press, 2013
Traduzione dal tedesco di Heute ist der letzte Tag vom Rest deines Lebens di Ulli Lust

Due ragazzine punk tedesche e il loro viaggio in Italia in autostop. Un sogno di ribellione e libertà che si trasforma in incubo. Un toccante atto d’accusa contro il machismo e la violenza sessuale.

“Qual è il sucidio più lento? Nascere e aspettare che tutto finisca.” Siamo all’inizio degli anni 80: a 17 anni Ulli Lust, austriaca di nascita e berlinese d’adozione, annota queste righe nel suo diario. Nello stesso anno la giovane punk decide di partire con la sua amica Edi, senza denaro o documenti, per un viaggio attraverso l’Italia in autostop. Con la matita e la china Ulli Lust descrive le tappe del suo viaggio: le due amiche passano per Verona, Cattolica, Pescara, Roma, ma la loro vera meta è la Sicilia. Che però si rivelerà non la terra promessa sognata, ma un mondo difficile, straniero, che non rispetta le donne. Il road movie alla Thelma e Louise, ispirato dalla voglia di libertà, ribellione e avventura dell’adolescenza, è inizialmente allegro ma si tramuta presto in un incubo. In Sicilia le due protagoniste incontrano l’eroina e un ambiente dominato dalla presenza della mafia. Diversi uomini prima infastidiscono, poi aggrediscono sessualmente e umiliano le due ragazze. L’amica di Ulli diventerà una tossicomane, ma alla fine entrambe riescono a salvarsi. Malgrado i tanti momenti difficili passati, il viaggio in Italia delle due ragazze resta un’affermazione di libertà e indipendenza: una storia dalla parte delle donne. Lo sguardo spietato su se stessa e sulla società è uno dei marchi di riconoscimento di Ulli Lust. Alcune illustrazioni ricordano gli studi critici sulle classi sociali realizzati dagli autori del settimanale satirico Simplicissimus, che la Lust annovera fra i suoi maestri. Ma l’artista s’ispira anche ad autori come Gilbert Hernandez e Art Spiegelman, all’autrice femminista Marilyn French e all’austriaco Odon von Horvath. Thelma e Louise a 17 anni. Testimonianza autobiografica, indagine sociale e road movie si intrecciano in un tragicomico, commovente graphic novel.

“Ho imparato più cose dalla strada che dai libri”  Ulli Lust

“Osservatrice senza indulgenze del maschilismo, femminista senza eccessi, Ulli Lust disegna una visione cruda dei rapporti tra uomini e donne” Le Monde

“Un’autobiografia appassionante, un libro bello e selvaggio, femminista e autocritico. Un’odissea tragica che parla di amicizia e fine delle illusioni” Les Inrockuptibles

“Una splendida lezione di vita e di coraggio”  Livres Hebdo

 

amore guarda per sitoLine Hoven
L’amore guarda da un’altra parte

Coconino Press, 2009
Traduzione dal tedesco e dall’inglese di Liebe schaut weg di Line Hoven

Line Hoven è una delle punte di diamante del nuovo fumetto tedesco. Nata a Bonn, ha lavorato a lungo come costumista per il teatro stabile di Kassel, per po studiare arti visive nella stessa città. Dopo un paio d’anni i suoi studi si sono orientati sull’illustrazione. Lavora tuttora come illustratrice e grafica freelance. Liebe schaut weg è il suo primo libro e ha vinto il premio ICOM per il miglior fumetto indipendente del 2008.

Di padre tedesco e madre americana, l’autrice ripercorre il passato della sua famiglia, partendo dai nonni paterni durante il Reich da una parte, e da quelli materni negli USA antitedeschi dall’altra. L’amore e la delicatezza con cui sceglie di raccontare questa storia si concretizzano anche nella tecnica in cui ha scelto di raccontarla: 3 anni di paziente incisione di lastre di cartone rivestito di uno strato di gesso e di uno di inchiostro, quelli che in Italia pare siano chiamati col nome inglese scraperboard o scratchboard.

Le sezioni delle storie sono introdotte da riproduzioni di veri documenti d’epoca (foto, biglietti, fatture di elettrodomestici): il libro inizia con una scena dall’infanzia hitleriana del nonno, un bambino che ripara una radio ed è prima deliziato dalla musica che ne proviene, poi sente che è di Mendelsson, compositore ebreo, si spaventa, spegne, va a dormire inquieto. Il giorno dopo, all’amico che gli chiede se sia poi riuscito a riparare la radio, dice che è rotta.
Cambio di tempo e di spazio: l’incontro tra i nonni materni di Line in America su una pista di pattinaggio sul ghiaccio. Lui rivela di voler partire per combattere i tedeschi, ma i genitori preferiscono che trovi un lavoro tranquillo; animato dallo spirito patriottico decide di iscriversi di nascosto all’ufficio di reclutamento di un altro Stato, ma non passa la visita militare. Così sposa la ragazza conosciuta sul ghiaccio.

bico02
Reinhard e Charlotte, il figlio e la figlia di questi nonni si incontrano quando lei va a studiare il tedesco in Germania. Il padre di lei, ancora e sempre un patriota antitedesco, non riesce ad accettare l’unione, ma i due vanno avanti, convinti, si sposano e inizialmente decidono di vivere in USA. Lui però è un medico ed è difficile svolgere il suo mestiere senza capire perfettamente cosa gli dicono i pazienti. Si trasferiscono in Germania e quella diventa definitivamente casa, per loro e per la loro bambina Line.

Pagine in bianco e nero di pura e delicata cronaca, collage di pezzi di memoria (la foto del primo incontro dei genitori è un rettangolo mancante), ma ben raccolti.
Annotazione linguistica: le parti ambientate in Germania hanno i dialoghi in tedesco, mentre i dialoghi svolti negli USA sono completamente in inglese. Reinhard e Charlotte parlano uno splendido misto di tedesco e inglese con qualche interferenza e qualche errore grammaticale. Delizioso.

 

fiaba del renoClemens Brentano
Fiaba del Reno

Donzelli Editore, 2008
Traduzione dal tedesco di Rheinmärchen di Clemens Brentano
Segnalato al Premio Monselice per la traduzione letteraria

Questa nuova edizione della Fiaba del Reno è frutto di un intenso lavoro filologico basato sulla più recente edizione critica del Rheinmärchen e tradotto in un meraviglioso lavoro di squadra da me, Laura Bocci e Camilla Miglio (oltre a Monica Lumachi che si è occupata di tutti gli apparati critici): Laura e io abbiamo rispettivamente tradotto metà del testo in prosa, Camilla si è misurata con le rime dei Lieder brentaniani con superbe riscritture in italiano. L’intero periodo del lavoro è stato scandito da periodiche riunioni con piacevolissime sedute di letture e ascolto ad alta voce, in riva al mare o nella verde campagna… nel migliore stile romantico!

La nostra traduzione della Fiaba del Reno si pone, fin dalla scelta del titolo al singolare, con un approccio nuovo rispetto a un testo che nelle precedenti traduzioni in italiano di Giovanna Federici Airoldi (1962), di Lisa Coeta (1968) e di Silvana Marini (1993) presentava a nostro avviso alcuni limiti: da un’attenta comparazione con l’originale alcune scelte traduttive risultavano poco filologiche, in alcuni punti erano state omesse parole o intere righe, e parti concepite dall’autore in versi erano state rese in prosa. A queste considerazioni di carattere filologico si aggiungeva in generale uno stile ormai sempre più lontano dalla sensibilità degli attuali potenziali lettori di un’opera pur così densa di motivi di interesse, ma calcificata in una tradizione che aveva finito per imbrigliarne anche la vivacità.

Abbiamo così deciso di accostarci al testo in modo nuovo e, in qualche modo, rischioso: rinunciando cioè a fare riferimento a qualsivoglia punto fermo fissato dalla tradizione traduttiva preesistente e osando dei cambiamenti anche radicali. Ne sono un esempio le numerose reinvenzioni operate sui nomi dei personaggi, dettate dal nostro gusto e dal proposito di restituire loro significato e freschezza: il mugnaio Radlauf passa allora dal tradizionale e mai modificato nome italiano Corrirota a un più immediato ed efficace Macinino, Grubenhansel passa da Nannimina al più epitetico e tedesco Hans della Miniera, il sartorello Sieben auf einem Streich dal noto Ammazzasette all’accumulativo Setteinuncolpo, e per diversi sistemi di nomi (le antenate di Macinino, i settetti delle loro ancelle dai nomi ispirati agli elementi naturali, vari personaggi accomunati da caratteristiche sociali) ci siamo dedicate a una ricerca minuziosa di nomi che congiungessero regolarità formali e di contenuto come nell’originale.

Particolare cura di questa traduzione è restituire alle storie del Reno la ricchezza di fiabe d’arte, nell’alternanza dei registri alto e basso, lirico ed epico, e dare spazio alla potenza assoluta delle fantasmagoriche invenzioni di Clemens Brentano. Per questo l’opera è stata candidata al premio “Città di Monselice” per la traduzione letteraria e scientifica.

brentano-clemens1Clemens Brentano (1778-1842), tedesco di origine italiana, appartiene alla più romantica delle famiglie europee: fratello della scrittrice Bettina, cognato e amico fraterno dello scrittore Achim von Arnim, figlio di una delle amiche più intime di Goethe.
Talento geniale, erotico e mistico, chitarrista vagabondo, enfant terrible dei salotti romantici, demoniaco ma capace di votarsi al capezzale di una monaca stigmatizzata, è stato anche un grandissimo conoscitore e reinventore del patrimonio di canti e fiabe della cultura europea.

La Fiaba del Reno incarna uno dei suoi momenti più alti, di immediato godimento per i più giovani, compresi i bambini, e di deliziosa lettura per gli adulti. In queste storie affascinanti, che rileggono in chiave colta le molteplici radici folkloriche della fiaba europea, il mondo del Reno, insieme reale e fantastico come ogni sogno sa essere, si popola di animali parlanti, di ondine e di sirene. Troneggia al suo centro la bella Loreley, l’eroina acquatica più famosa e fatale; ma vi compare anche il Vecchio Padre Reno in persona, che favorisce amori e amicizie, ma che sa punire con severità gli empi; e poi, principesse, fanciulle infelici, matrigne e sorellastre, mercanti e imbroglioni, girovaghi e artigiani… e perfino una creatura come Radice Verbale, che rivela a un vecchio contadino: “io sono la fata del suolo tedesco, e mi chiamo Radice Verbale. Ti ho sempre amato per il Tedesco bello, puro e corretto che parli, e per questo ti ho ricoperto di benedizioni.”

Brentano raccontava queste fiabe a grandi e piccini, davanti al camino o nei salotti che soleva frequentare, con lo scopo principale del godimento condiviso con la comunità degli amici. Forse per questo non ne patrocinò la pubblicazione, che avvenne solo dopo la sua morte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...